ESITO VII EDIZIONE CONCORSO MARZAMAREDDU
 
 

 

Opera vincitrice delle votazioni online è:

"Memorie Antropomorfe" di Nora Bea Corti

0
0
0
s2smodern
 MICHELA NEGRI 
 
Prima della proclamazione dell'opera vincente di questa VII edizione ecco a voi la giurata di Marzamareddu 2020.
Grazie a Michela Negri che ha accettato l'invito di Satyr nel valutare le opere in concorso.
Se volete conoscere le sue meravigliose opere non vi resta che seguire la sua pagina facebook: The Art of Meriodoc

0
0
0
s2smodern

I VASI SUI BALCONI 

Avete mai notato sui balconi di case ormai abbandonate dei vasi con piante rinsecchite? Triste realtà di quello che sta avvenendo in tutti i borghi siciliani al momento. Foglie ormai secche che cadono lentamente in una strada dove il silenzio è ormai sovrano. 

0
0
0
s2smodern

Intorno al 1600 un frate francescano si dirige verso Bisacquino. Il suo nome e Fra Innocenzo nato il 1° novembre 1557 a Chiusa, oggi Chiusa Sclafani in provincia di Palermo, da Salvatore Caldarera e Antonia Violino Costa.

0
0
0
s2smodern

Pochi conoscono la leggenda del Maestro Galileo a Bisacquino.

Ma chi era Galileo?

Galileo era un maestro di scuola ma anche, un alchimista e un mago.

0
0
0
s2smodern

ADELE MORI E MARZAMAREDDU

Storie di successo 

Di seguito vi propongo un articolo presente sul Giornale di Brescia (www.giornaledibrescia.it) che parla della nostra illustratrice Adele Mori e del concorso di illustrazione promosso da Satyr.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Giornale di Brescia.pdf)Giornale di BresciaScansione di una pagina del Giornale di Brescia308 kB

0
0
0
s2smodern

Monserrat

In tutti i territori appartenenti al Regno di Spagna, la devozione verso la Madonna del Monserrato aveva un culto di primo piano. La dominazione spagnola in Sicilia ebbe inizio nel 1516.

0
0
0
s2smodern

 

Altomare 

Immaginate la scena: una donna vestita di nero cammina su di uno sterrato accanto una piccola cappella. La calura estiva e il suono delle cicale si amalgamano con un suono lontano di una campana nel paesino.

0
0
0
s2smodern

 LA GROTTA DELLE ROCCE

“Nato a Naso da famiglia Navacita e Sampou è venuto nella nostra città in un sito, che in què tempi restava fuori le mura…” inizia così la piccola descrizione in riferimento ad un santo tratta dalla relazione storica di Maria SS. del Balzo del Bartolomeo Del Giorgio.  Il punto indicato dall’autore doveva con molta probabilità trovarsi ad est del piccolo paese, esattamente dove le pendici del monte Triona si incontrano con i primi edifici del primitivo centro abitato, egli continua: “…in questo menò lungo una sorgente d’acqua, vita eremitica, e penitente.”

0
0
0
s2smodern

Il mistero del Santo

Nel 1901, l’allora decano Costantino Margiotta ricevette una lettera da Roma. Bisacquino in quel periodo storico contava ben 10.330 abitanti.

0
0
0
s2smodern

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione informativa estesa